CICLISMO: GRAN FONDO CITTA’ DELL’AQUILA “le modifiche alla viabilità” / Intervista ad Alessandro Piccinini

270
manuwebtv-CICLISMO-GRAN-FONDO-LAQUILA-modifiche-viabilita-Intervista-Alessandro-Piccinini

 

L’AQUILA: – Dopo il Giro d’Italia, domenica 15 maggio 2016 il territorio comunale sarà interessato da un’altra importante manifestazione ciclistica: la 1^ Gran Fondo Città dell’Aquila, che partirà dal capoluogo alle 9 e, dopo aver toccato i comuni di Scoppito, Tornimparte, Lucoli, Ocre, Fossa, S.Eusanio Forconese, Villa S. Angelo, San Demetrio, Poggio Picenze e Barisciano, farà ritorno in città, tra le 12 e le 14 circa.

Il Comando di Polizia municipale dell’Aquila ha reso noto che, per l’occasione, la Prefettura dell’Aquila ha disposto con ordinanza la sospensione temporanea del traffico veicolare lungo le strade interessate dalla manifestazione per il tempo necessario al transito dei concorrenti.

Per quanto riguarda la viabilità cittadina, invece, si avranno le seguenti modifiche.

Nell’area della Basilica di Collemaggio, dove sono situati partenza e arrivo, dalle 8 alle 16 saranno interdette alla circolazione veicolare e pedonale viale Collemaggio e via Caldora (fino al tunnel); sempre nella stessa fascia oraria saranno chiusi in direzione centro via Fuori Porta Napoli e viale Crispi. Successivamente dalle 11 e sempre fino alle 16 circa sarà chiusa al traffico anche via XX Settembre in direzione centro.

Sulle restanti strade si avrà una chiusura temporanea (10/15 minuti) al momento del passaggio dei corridori, che interesserà al momento della partenza: tunnel di Collemaggio, via Strinella, via Pescara (direzione VV.F.), via Panella, rotatoria stadio, viale Croce Rossa, rotatoria via Beato Cesidio, viale Corrado IV, SS 80 (direzione Teramo).

Considerati la lunghezza del percorso e l’elevato numero di partecipanti, la Polizia municipale invita gli utenti della strada a prestare la massima attenzione alle indicazioni degli agenti del traffico e della scorta tecnica al seguito dei concorrenti. Si consiglia, altresì, di utilizzare per quanto possibile percorsi alternativi a quelli interessati dalla gara.