INCHIESTE – Segreti: il rebus di Celestino V

92
1° parte
2°parte

Celestino V – E’ stato il primo Papa a lasciare il proprio incarico prima di morire (e per questo messo da Dante all’Inferno), non si recò mai a Roma durante i quattro mesi di pontificato, fu eletto nonostante non fosse un cardinale e al termine di uno dei conclavi più lunghi della Storia: Pietro Angeleri era un monaco eremita (da qui il nome di Pietro da Morrone), noto perla sua santità, che nell’estate 1294 aveva ormai 79 anni. La sua nomina fu chiaramente decisa per superare l’impasse tra i cardinali. Ma gli atteggiamenti e le prime decisioni di Pietro (ad esempio la volontà di essere incoronato a L’Aquila, cerimonia cui presenziò anche Dante Alighieri) rischiarono di far saltare molti equilibri all’interno della Chiesa. Le sue dimissioni, nel dicembre 1294 furono “pilotate” dal suo successore, il cardinal Caetani che subito dopo essere eletto col nome di Bonifacio VIII farà imprigionare il suo predecessore che morirà pochi mesi dopo.