La rinuncia di San Celestino V- Pietro di Morrone Eremita e Papa ( 13 dicembre 1294)

175

(Papa dal 29/08/1294 al 13/12/1294)
“Io Celestino V, mosso da ragioni legittime, per bisogno di umiltà, di perfezionamento morale e per obbligo di coscienza, per debolezza del corpo, per difetto di dottrina e per cattiveria del mondo, per l’infermità della persona, al fine di recuperare la pace e le consolazioni del mio precedente modo di vivere, liberamente e spontaneamente, mi dimetto dal Pontificato…” 

REPORTAGE di Emmanuel Ntawizera 

IL 13 dicembre del 1294 Celestino V si alzò dopo aver finito di leggere l’atto papale, scese dal trono, si tolse mitra, manto porporino e insegne deponendole per terra. Si rivestì del suo rozzo mantello e uscì dal Concistoro. Così si concluse l’avventura di fra’Pietro da Morrone, dopo soli 107 giorni di tormentato pontificato, unico esempio di dimissioni dalla carica di pontefice. Padre Quirino Salomone ha voluto ricordarlo in occasione del primo giorno dell’avviamento del progetto Servizio Civile Nazionale 2019 al Movimento Celestiniano.